Coppia di fatto riconosciuta dalla legge: come fare?

La legge tutela la coppia di fatto formata da due persone maggiorenni unite da uno stabile legame morale – affettivo e materiale risultante dalla dichiarazione anagrafica del Comune di residenza. Tra i partner non devono esserci vincoli di parentela, affinità o adozione, matrimonio o unione civile. Come diventare una coppia di fatto riconosciuta dalla legge? Ce lo dice l’articolo 1, commi 36 e 37, della legge n. 76 del 2016.

Cosa leggerò in questo articolo?

  • Come si accerta la stabilità della convivenza?
  • Coppia di fatto riconosciuta: cosa dice la legge?

Come si accerta la stabilità della convivenza?

Il requisito della stabilità della convivenza è indispensabile per avere tutela giuridica perchè esprime la volontà non passeggera della coppia di formare una famiglia. Secondo la legge, la convivenza è stabile se ricorrono due presupposti:

1) la stabilità del legame affettivo e della reciproca assistenza morale e materiale;

2) la stabilità della convivenza, che è tale solo se risulta dalla dichiarazione fatta all’anagrafe del Comune di residenza dei partner. La dichiarazione della costituzione della convivenza di fatto può essere fatta da due persone maggiorenni, conviventi e residenti nello stesso Comune. Se manca uno di questi requisiti, bisogna andare presso lo sportello anagrafico e fare la variazione anagrafica necessaria.

La famiglia così costituita è tutelata dalla legge n. 76 del 2016. Ad essa si applicano le disposizioni previste dall’articolo 1, commi da 36 a 69, che riconoscono una serie di diritti ai partner conviventi.

Coppia di fatto riconosciuta: cosa dice la legge?

L’articolo 1, commi 36 e 37 della legge n. 76 del 2016, afferma che:

Ai fini delle disposizioni di cui ai commi da 37 a 67 si intendono per “conviventi di fatto” due persone maggiorenni unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da un’unione civile”.

Ferma restando la sussistenza dei presupposti di cui al comma 36, per l’accertamento della stabile convivenza si fa riferimento alla dichiarazione anagrafica di cui all’articolo 4 e alla lettera b) del comma 1 dell’articolo 13 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223.”

Potrebbe interessarti anche:

Ultimi articoli

Mantenimento dei figli: come funziona?

Mantenere un figlio significa aiutarlo a realizzare se stesso. Mantenimento significa anche prendersi cura delle sue esigenze di crescita e di...

L’assegnazione della casa familiare quando ci sono figli

Dopo la separazione, l'assegnazione della casa familiare viene disposta tenendo conto dell'interesse della prole e, per questo motivo, generalmente spetta al genitore...

Genitori dello stesso sesso: opinioni a confronto

Perchè le coppie formate da persone dello stesso sesso non possono avere figli? Il benessere di un bambino e la sua felicità...

Categorie più visitate